Stagione Concerti 2015/2016

ContempoartEnsemble

Concerti 2015-2016
Direttore Artistico Duccio Ceccanti

Carissimi, in occasione della Grande Guerra, di cui tutti ormai si occupano, mi sono permesso una presentazione in linea con essa nello stile surreale di Erik Satie e un po’ futurista, come fossimo nel 1915.
Un mio modo di celebrare.
Roma 12/11/2015 Marcello Panni

La XIII Edizione del Contempoartensemble di Firenze entra in guerra.

Con la loro consueta indifferenza alle tempeste finanziarie che stravolgono il mondo e con la serenità di chi male non fà e nulla teme, la Famiglia Ceccanti ordisce il suo tredicesimo piano di attacco alla musica del nostro tempo, portando stragi e stermini nel campo della banalità. Le armi ci sono: il famoso cannone Maria che spara a distanza contro la burocrazia e gli ignavi la ferrea baionetta del generale Mauro, il violino d’assalto di Duccio e il violoncello mitragliatore di Vittorio, alla testa di un plotone di esecuzione, pardon, di esecutori intrepidi e capaci di tutto. La campagna, che durerà parecchi mesi da novembre ‘15 ad aprile ‘16, fu studiata a lungo a tavolino sulle carte musicali, che coloro sanno ben leggere, e battendo strade inusuali sarà articolata in otto battaglie, o concerti che siano … eccoveli, con alcuni consigli per gli ascoltatori.

I – 28 novembre 2015

Attacca il sottoscritto con un florilegio di canti strumentali, tra suoni d’opera e motivi di canzone, dal titolo Pop Songs in cui si confrontano due mondi, quello di Berio e quello di Stravinskij, un camminamento scivoloso in alta quota, sempre in bilico tra la Storia del soldato e la nostalgia del Canto Perduto, classico o pop(olare) che sia. Siate cauti nel giudizio, SVP.

II – 4 dicembre 2015

“Il tango è la danza del diavolo”, disse il nostro grande eroe Erik Satie, in Sport et divertissements. Attenti allora, si ballerà al Nuevo Tango di Piazzolla con Baracchi, Ceccanti (Vittorio) e Battiston: sarà certamente un fuoco di fila di trovate diaboliche. Attenti alle bruciature.

III – 13 dicembre 2015

Si prospetta una sfida a singolar tenzone tra Maurice Ravel e Georges Crumb, veterani del XX secolo, le armi affilate di Maria Elena Romanazzi e di Raffaella Ronchi lasciano prevedere una dura lotta, vinca il migliore. Non sono ammessi colpi bassi, marca Bolero.

IV – 17 dicembre 2015

Un fuoco d’artificio di musica e pittura che lascerà molto spazio all’improvvisazione tra una pittrice e un pianista. Aspettiamoci esiti imprevedibili tra il pennello di Cinzia Fraschi e il piano di Antonio Siringo in Instant Composition…attenti alle ricadute di materiali infiammati.

V – 9 febbraio 2016

Ancora una sfida tra due pezzi da novanta: Sir Peter Maxwell Davies, che praticamente ha adottato Vittorio (o è Victor che ha adottato Max?) e Francis Poulenc, di cui Duccio e Vittorio metteranno a confronto due sonate solistiche . Prevedibile riconciliazione finale con la mediazione in campo del pianista Matteo Fossi nel nome di Ser Devis. Bon Voyage all’Isola Fatata…

VI – 17 marzo 2016

Entrano in campo forze ausiliari dalla scuola di Musica di Fiesole e dagli Amici di Livorno.

Vengono eseguiti una batteria di pezzi con strumenti tradizionali e normali note sul pentagramma : presenti alcuni giovani vincitori di medaglie, Frega, Quagliarini, Sommani, e due veterani Mosca, D’Amico. Si prega di gridare “Hip hip per la Nuova Musica: urrah ai prodi!”

VII – 29 marzo 2016

Con Sani, Portera e Cacciatore entrano in campo i mezzi elettronici pesanti, che porranno in arnese la loro forza tecnologica, a fianco di una pattuglia agguerrita di esecutori. Attenti alle Voci Controvento, ci si può raffreddare.

VIII – 9 aprile 2016

La stagione si chiude con una cerimonia in ricordo di un Musicista Recentemente Scomparso, Giorgio Gaslini; Adriano Bassi ne tesserà l’elogio con un libro, e lo accompagneranno sue musiche con Vittorio, Duccio, e gli altri del Quartetto Klimt… con il jazz di Gaslini cadono le trincee tra i generi, occhio al filo spinato nelle orecchie.

Se tutto andrà come previsto, gridate pure “Vittoria” alla fine. Ma non prima, non porta bene.
Auguri a los Ceccantis da Marcello Panni detto Marx (quello dei fratelli).

Sabato 28 Novembre 2015 ore 21,00

FIRENZE Palazzo Bastogi Sala delle Feste

Festa della Toscana 2015

Con la compartecipazione del Consiglio della Regione Toscana

POP SONGS

CONTEMPOARTENSEMBLE

MAURO CECCANTI, direttore

MARCELLO PANNI Pop Songs

prima esecuzione integrale

FdT2015-C 

 

Venerdì 4 Dicembre 2015 ore 21,00

FIRENZE Palazzo Medici Riccardi Sala Luca Giordano

TANGO E DINTORNI

LUIS BACALOV, pianoforte

Luis Bacalov, Premio Oscar per le musiche de “Il Postino” – ritorna alle sue radici argentine,

affrontando il genere musicale che più identifica il suo Paese,il tango.

 

Domenica 13 Dicembre 2015 ore 21,00

PRATO Teatro Magnolfi

GEORGE CRUMB – MAURICE RAVEL

MARIA ELENA ROMANAZZI, voce

RAFFAELLA RONCHI, pianoforte

Musiche di CRUMB e RAVEL

 

 

 

Giovedì 17 Dicembre 2015 ore 21,00

PRATO Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci

INSTANT COMPOSITION

Improvvisazione di Musica e Pittura

CINZIA FIASCHI, action painter

ANTONINO SIRINGO, pianoforte

 

 

 

Martedì 9 Febbraio 2016 ore 21,00

FIRENZE Accademia Bartolomeo Cristofori

in collaborazione con Accademia Bartolomeo Cristofori

SIR PETER MAXWELL DAVIES – FRANCIS POULENC

MATTEO FOSSI, pianoforte

DUCCIO CECCANTI, violino

VITTORIO CECCANTI, violoncello

Musiche di MAXWELL DAVIES e POULENC

 

 

Giovedì 17 Marzo 2016 ore 21:00

FIRENZE Museo Marino Marini

In collaborazione con Scuola di Musica di Fiesole e

Amici della Musica di Livorno

NUOVE VOCI

CONTEMPOARTENSEMBLE

MAURO CECCANTI, direttore

Musiche di FREGA (Premio Veretti 2015, prima assoluta), QUAGLIARINI, SOMMANI (premio LivornoMusicFestival 2014, prima assoluta), MOSCA, D’AMICO

 

 

 

Martedì 29 Marzo 2016 ore 21:00

FIRENZE Auditorium di Sant’Apollonia

ASTRATTO

MARCELLO PRAYER, voce recitante
CONTEMPOART
ENSEMBLE

VITTORIO CECCANTI, direttore

Musiche di SANI (prima italiana), PORTERA
(prima assoluta), CACCIATORE (prima assoluta)

 

 

 

Sabato 9 Aprile 2016 ore 21:00

FIRENZE Palazzo Bastogi Sala delle Feste

GIORGIO GASLINI, non solo Jazz…

Presentazione del nuovo libro di Adriano Bassi sul compositore Giorgio Gaslini per Casa Musicale ECO – Monza

VITTORIO CECCANTI, violoncello

QUARTETTO KLIMT, pianoforte e archi

GIORGIO GASLINI

Sonata per violino e pianoforte, quasi una fantasia

La Ronde  per violoncello solo (prima assoluta)

Piano Quartet dedicato al Quartetto Klimt

IMG_8699

FIRENZE – Palazzo Bastogi Via Cavour 18

FIRENZE – Palazzo Medici Riccardi Via Cavour 3

PRATO – Teatro Magnolfi Via Gobetti 79

PRATO – Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci Viale della Repubblica 277

FIRENZE – Accademia B. Cristofori Via di Camaldoli 7/r

FIRENZE – Museo Marino Marini – Piazza San Pancrazio

FIRENZE – Auditorium di Sant’Apollonia – Via S. Gallo 25ace per sito 2015-16_Pagina_4 copia

CE

Concerto CAGE al Maggio MusicaleGuardando ai 20 anni di storia del Contempoartensemble bisognerebbe menzionare tutti i musicisti che ne hanno fatto parte, i quali sono riusciti (e riescono tuttora) davvero  a con-certare e ad essere parte di un Insieme, che dovrebbe essere di esempio per la società   di oggi…..Gli storici della musica ascrivono gli anni che vanno dalla fondazione del Contempoartensemble ad oggi, al postmodernismo. In questa fase i pezzi musicali sono caratterizzati meno dal proprio valore intrinseco di novità, quanto piuttosto dal modo in cui si riflettono stili passati, soprattutto del  XX° secolo. In accordo con questo aspetto,  nella selezione delle opere del nostro ensemble le prime non si sono rese autonome, bensì sono sempre collegate con la musica dei decenni precedenti.Così Contempoartensemble ricordava la prima italiana del Pierrot Lunaire di Schönberg o metteva giustamente in risalto il significato del Don Perlimplin di Bruno Maderna con una registrazione su CD.
Inoltre c’è una caratteristica che distingue Contempoartensemble dagli altri ensembles specializzati in musica contemporanea:                                          attraverso la storia delle proprie esecuzioni si dipana, come un fil rouge, il tentativo  di unire l’ars acustica con varie forme dell’arte visiva.
E’ la tradizione italiana, la quale non isola la musica, bensì la definisce come parte di una performance o, come si chiamava un tempo, di uno spettacolo. Pertanto non ci si deve meravigliare se il nostro ensemble si è occupato della parte musicale nella rappresentazione di drammi musicali, come ad esempio per El Retablo de Maese Pedro di de Falla, in una messa in scena come teatro di  pupi siciliani.
Parallelamente Contempoartensemble sperimenta sempre anche nuove forme della multimedialità: nel 2007, in occasione del Festival Milano Musica, è stato realizzato un progetto dedicato a John Cage e Nam June Paik, dal titolo L’orecchio e l’occhio: storia di una relazione creativa;
mentre nel 2010 ha avuto luogo un Visual Concert con musica e video di Kaija Saariaho e Jean-Baptiste Barrière. Il fatto che la forma visiva e acustica si completino a vicenda si può ritrovare  anche in alcune copertine dei CD del Contempoartensemble, della cui realizzazione grafica
sono stati incaricati artisti di fama: Sol Le Witt, Michelangelo Pistoletto, Daniel Buren, Jean-Michel Folon, Gerhard Richter e Dani Karavan.
Lo spazio creativo visivo è un forum, nel quale la musica è presentata in modo percettibile…………….. Joachim Noller   (Amburgo 2012)